Più info Libro 'Bere acqua di mare & Hamer' Versione per desktop

Acqua di mare per il cancro e la chemioterapia

L'acqua di mare è stata prescritta dal sistema sanitario francese fino al 1980, bevuta o iniettata. Vediamo qui come può aiutarci nel caso del cancro.

Prima una buona diagnosi

Prima di tutto l'ideale è capire bene cosa sta facendo il nostro corpo (Hamer. C'è una introduzione nel libro "Bere acqua di mare & Hamer"). Con ciò otterremo il maggior beneficio: la calma, la pace interiore.

Se non siamo d'accordo con le teorie di Hamer, il cammino è più duro però l'acqua di mare ci aiuterà ad attenuare gli effetti secondari della chemioterapia. Lo spiegheremo meglio in seguito.

In Giappone il dottor Kondo Makoto (autore del libro più venduto nel 2013 “47 pensieri per evitare essere ucciso per un dottore” “47 thoughts on how not to be killed by a doctor” e d'altri libri) dice che in molti casi non conviene fare niente quando avviamo cancro. (No chemioterapia, no radioterapia, no chirurgia). Solo nel 10% dei cancri si devi fare i trattamenti. (Avete più info qui -in Spagnolo e Inglese). La sua web è www.kondo-makoto.com

Con una diagnosi di cancro al pancreas forse Hamer ci direbbe di smettere di litigare con i nostri fratelli per una eredità e non sarebbe una cosa semplice, soprattutto a causa dello stato d'animo che una diagnosi simile ci produrrebbe senza conoscere le leggi di Hamer. È più facile andare d'accordo con gli altri quando siamo calmi. tensione recupero

1) Ancora nella fase di tensione

Se siamo ancora in una fase di tensione, l'acqua di mare ci aiuterà a rilassarci e a vedere le cose con più tranquillità. Probabilmente ci farà entrare nella fase di recupero.
Dalle leggi di Hamer sappiamo che esistono alcuni casi in cui è molto pericoloso che l'ammalato entri in questa fase, altri in cui bisogna seguirne l'evoluzione con molta attenzione. In questo caso, non conviene assumere acqua di mare in nessuna forma: né bevuta, né in spiaggia, né in crociera,etc. (Ovviamente la decisione finale è del malato: vivere meno ma morire felice o vivere più anni senza pace interiore).

2) Già nella fase di recupero

Se già siamo nella fase di recupero, l'acqua di mare la accelererà (attenzione alle persone molto deboli o i casi menzionati in precedenza).

Dott.ssa Ilari:
"Tratto i casi di cancro dal punto di vista del dott. Hamer. I pazienti si curano senza necessità di farmaci però come strumento terapeutico l'acqua di mare è per me il migliore rimedio".Rivista DSalud.com - n.153 ottobre 2012

Vedi un video della Drssa. Ilari dove parla del cancro e l'acqua di mare.

Per gli effetti secondari della chemio

Gli effetti secondari dei trattamenti ufficiali in Italia (*) (chemio, trattamento ormonale) sono di tutti i tipi, inclusa la decalcificazione delle ossa come conseguenza dell'intossicazione generale.

Dato che il principale effetto dell'acqua di mare è disintossicare, le persone che hanno subito la chemioterapia sono quelle che notano maggiori benefici dall'assunzione di acqua di mare, dal primo giorno.
Tutto il corpo torna a funzionare e a riparare i danni che può aver subito.

Nel sito internet di un'associazione di sub degli Stati Uniti, alcune donne raccontano le loro sensazioni tornando a fare immersioni dopo la chemioterapia. Si leggono frasi come:

"I love the peace of mind and the open feeling when I dive"(Amo la pace mentale e la sensazione di apertura quando mi immergo), "Diving is mandatory for my psyche." (immergermi è un obbligo per la mia mente).

Ad un 12% di loro si è ridotto il linfoedema. Non bevono acqua di mare ma questa entra ugualmente attraverso della loro pelle come qualunque pomata antinfiammatoria che ci spalmiamo. Notano miglioramenti già dal primo giorno.

(*) In Nicaragua le persone possono scegliere il tipo di trattamento cui sottoporsi negli ospedali pubblici: chemioterapia, sciamani, omeopatia, etc. (Legge 774 in Nicaragua). In un video, in spagnolo, la dottoressa Ilari spiega (al minuto 20:15) come trattano il cancro in Nicaragua (facendo riferimento ad Hamer e usando acqua di mare).

Attenzione

Nei casi dove il malato si ha decalcificato dal trattamento ordinario dal cancro, l'acqua di mare produce una ricalcificazione. E le ricalcificazioni sono sempre molto dolorose (e con mal di testa, etc.).

Vedi più informazione nel capitolo 13 del libro "Bere acqua di mare & Hamer", dove si spiega la storia di una donna che comincia a prendere acqua di mare ed aveva avuto cancro al seno e trattamento ordinario.

coperta libro Bere acqua di mare & Hamer

Sul sito si vanno aggiungendo contenuti (senza periodicità) e migliorando gli esistenti
Più info


Copyright



Informazioni legali



torna su